MOTOCROSS E IMPIANTI OMOLOGATI: IMPORTANTE CHIARIMENTO

In considerazione delle numerose segnalazioni in merito all’aumento di piste “abusive”, o comunque non omologate, si richiama il regolamento tecnico di omologazione degli impianti sportivi
(2020-ROI_Sez_-0_Regole-e-procedure-rev_A), secondo la Deliberazione della Giunta Nazionale CONI n. 442 del 20 Ottobre 2019.

Per quanto indicato dal CONI, le Federazioni Nazionali (in questo caso la Federazione Motociclistica Italiana) sono gli unici enti abilitati al rilascio delle omologazioni di impianti sportivi; nessun EPS può accordare alcun titolo e ogni altra attestazione di omologa/collaudo. Per tale motivo gli impianti che non possiedono l’omologazione rilasciata dalla FMI sono da ritenersi a tutti gli effetti non omologati.

L’omologazione della Federazione Motociclistica Italiana per il 2020 viene rilasciata esclusivamente per gli ALLENAMENTI e, solo in caso di manifestazione organizzata dalla FMI, viene ESTESA la possibilità di effettuare COMPETIZIONI (v. art. 8 del sopra citato regolamento).

Una “omologazione” non è un semplice documento cartaceo, ma contiene una serie di prescrizioni che devono essere osservate dai MC organizzatori e verificate dagli Ufficiali di Gara, e da tutti i responsabili della gara stessa. E’ per questo motivo che l’omologazione può essere considerata valida solo se in presenza di un Ufficiale di Gara FMI.

Ne consegue che le competizioni organizzate da EPS, anche se disputate su circuiti con omologazione FMI, non sono regolari ; ciò in quanto non rispondono ai regolamenti FMI ed in mancanza, allo stato, di convenzioni in corso di validità tra FMI ed EPS.

Ribadiamo pertanto che:

le piste “omologate” (“collaudate”, ecc) solo dagli enti di promozioni sportiva sono da intendersi NON OMOLOGATE ai sensi della legislazione vigente;
le omologazioni della FMI sono da intendersi valide solo per ALLENAMENTI dei tesserati sport e licenziati agonistici FMI, salvo specifica ESTENSIONE per manifestazioni agonistiche organizzate dalla FMI;
le competizioni organizzate dagli Enti di Promozione Sportiva anche su piste omologate FMI, NON SONO IN NESSUN CASO RICONDUCIBILI A FMI, la quale non si assume nessuna responsabilità al riguardo.
Invitiamo i piloti tesserati e licenziati FMI a frequentare le piste omologate dalla FMI (www.federmoto.it/servizi-fmi/cerca-impianti/ ) rispettose degli standard stabiliti da CONI ed FMI ai sensi della legislazione vigente in materia di impiantistica sportiva ; ciò anche ai fini della validità della copertura assicurativa.

Si allega tutta la documentazione inerente.

All. n. 1 – Principi Informatori per lo sviluppo dell’impiantistica sportiva (https://www.coni.it/images/impiantistica/Norme_regolamenti/DEL_1476_-_Principi_informatori.pdf)

All. n. 2 – Norme CONI per l’impiantistica sportiva (http://www.scuoladellosport.coni.it/images/documenti/Normativa_Sport/ImpiantiSportivi/Norme_CONI-Delibera_CN_n.1379-200_.pdf)

All. n. 3 – Regolamento Enti di Promozione Sportiva (https://www.coni.it/images/pdf/REGOLAMENTO_EPS_-_28_10_2014_-_versione_per_sito_CONI.pdf)